Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia   Salute e benessere  

Stenosi del canale vertebrale: cos’è e come trattarla

Dott. Mario Bortolato - Ortopedico a Mestre
Dott. Mario BORTOLATO
 07 Novembre 2021

stenosi-del-canale-vertebrale

Dolori alla schiena e difficoltà a camminare potrebbero essere sintomi di patologie della colonna vertebrale.

“Ho difficoltà nel camminare, dopo pochi metri devo fermarmi...”. Se ti riconosci in questi sintomi, probabilmente il tuo problema è la stenosi del canale vertebrale.

 

Dottore, di che cosa si tratta?

La stenosi del canale vertebrale è un vero e proprio “restringimento” del canale vertebrale che può manifestarsi come conseguenza della spondiloartrosi, cioè della patologia degenerativa che colpisce la colonna vertebrale nel suo insieme, sia per quanto riguarda la componente ossea (corpi vertebrali) che i dischi interposti tra le vertebre stesse.

Quali sezioni della schiena può interessare?

La stenosi può interessare uno o più distretti della colonna vertebrale, ma solitamente la zona più colpita è quella lombare. Spesso, ma non sempre, il paziente lamenta anche dolore ricorrente o persistente alla regione lombare. Anche la zona cervicale può essere interessata, provocando dolore cervicale e formicolio agli arti superiori.

Che rapporto c’è tra stenosi e difficoltà a camminare? 

Ciò che caratterizza maggiormente la stenosi lombare è proprio la claudicatio spinalis, cioè l’impossibilità di camminare se non per pochi metri. Dopo questi brevi tratti compaiono forti dolori irradiati dalla schiena agli arti inferiori, accompagnati da una sensazione di formicolio: il paziente è costretto a fermarsi. Esistono ovviamente forme di diversa entità, in quelle più gravi la deambulazione può essere impedita quasi del tutto, con enormi disagi per i pazienti. Questo avviene soprattutto negli anziani, ma non solo.

Come si diagnostica la stenosi e come si distingue da altri problemi alla colonna?

Si comincia con un esame approfondito del quadro clinico. Gli esami diagnostici necessari sono innanzitutto una radiografia alla colonna, una risonanza magnetica, un’eventuale TAC ed un’elettromiografia. Questo dovrebbe essere sufficiente ad inquadrare il problema. È importante escludere inoltre la presenza di patologie di ambito neurologico o vascolare, che possono presentare disturbi simili.

Quali sono le possibili soluzioni?

Con la chirurgia mini-micro invasiva, anche utilizzando il microscopio operatorio, si possono risolvere brillantemente quadri di stenosi anche gravi, utilizzando procedure “leggere”: un ricovero breve, di soli due giorni, e l’immediata ripresa di una normale autonomia deambulatoria.
Per maggiori informazioni: www.mariobortolato.com

 

La chirurgia mini-micro invasiva permette di risolvere casi di stenosi anche gravi.

Social
Dott. Mario Bortolato - Ortopedico a Mestre
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Mario BORTOLATO    
Altro dal blog
Circa il 2-3% degli adolescenti è colpito da scoliosi idiopatica, la percentuale si riduce a circa 0,1-0,3% per le curve più gravi (>30°Cobb).
La risonanza magnetica è un sistema diagnostico che evidenzia tutte le possibili patologie (degenerative, infiammatorie, infettive tumorali) della schiena presenti e future.
I busti ortopedici diventano dinamici e dotati di sistema di gonfiaggio
Quando il mal di schiena o il dolore cervicale diventa persistente ed invalidante, va presa in considerazione la chirurgia mini-invasiva o quella percutanea.
Quando il dolore diventa persistente, il ricorso alla chirurgia mini-micro minivasiva rappresenta una soluzione rapida ed efficace
Traumi, stenosi, discopatie, ernie, osteoporosi: lo stress alla colonna vertebrale, con conseguenti dolori più o meno gravi, si manifesta in diversi modi.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
Rosanna Banfi
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico