Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Radiodiagnostica   Salute e benessere   Sport   Tecnologia  

Cosa fare in caso
 di lesioni muscolari della coscia?

Dott.ssa Carla Scottà - Radiologa
Dott.ssa Carla SCOTTÀ
 10 Agosto 2020

Cosa fare in caso 
di lesioni muscolari della coscia? - Dott.ssa Carla Scottà

L’ecografia è lo strumento che permette di valutare l’entità della lesione

Nell’ambito dell’attività sportiva, agonistica e dilettantistica, le patologie traumatiche della coscia sono molto frequenti.

Dottoressa, come possiamo classificare le lesioni muscolari?
Possono essere di tipo distrattivo cioè uno “strappo”, che presuppone una rottura di fibre muscolari, o di tipo contusivo, cioè una lesione per un colpo diretto. Le prime sono più frequenti, ma soprattutto più invalidanti, e possono interessare sia il comparto anteriore che posteriore della coscia stessa.

Quali sono i loro sintomi?
I sintomi sono generici: dolore improvviso e di grado variabile, anche violento, durante l’attività fisica, impotenza funzionale (dallo zoppicare, fino al blocco del movimento), a cui si possono associare gonfiore e/o ematoma delle parti molli nei giorni successivi al trauma.

Quali sportivi ne sono maggiormente colpiti?
Soprattutto i calciatori o atleti che praticano sport in cui lo scatto è alla base della loro attività. Le lesioni si possono verificare sia a “freddo” o dopo il riscaldamento classico, come pure nel corso dell’attività a “caldo” o per sovraccarico.

Come avviene ed in cosa consiste la diagnosi?
È sempre su base clinica: si valuta la diversità dell’aspetto dell’area interessata rispetto alle regioni contro laterali simmetriche e la motilità residua del paziente, cercando di ricostruire l’evento traumatico per capirne la dinamica.

Quando è consigliata l’ecografia?
In tutti quei casi in cui la sintomatologia non regredisca dopo pochi giorni e si sospetti quindi una lesione di una certa gravità.

Cosa evidenzia questo esame?
L’ecografia ci permette di escludere lesioni oppure, se sono presenti, di identificare se si tratta di una distrazione o di una rottura completa. Ci aiuta inoltre ad individuare la regione interessata, misurare la lesione, stabilire se esiste l’ematoma e la sua entità ed, infine, se sono presenti altre lesioni (distacchi ossei, pregresse fibrosi cicatriziali o calcificazioni).


Quali muscoli sono maggiormente soggetti a lesioni?
Principalmente l’estremo prossimale del muscolo retto del quadricipite (lesione del comparto anteriore) ed il passaggio muscolo tendineo distale del capo lungo del bicipite di coscia (lesione del comparto posteriore). Si tratta spesso di lesioni con rottura muscolo tendinea, ampi ematomi e con necessità di una lunga riabilitazione.

Come possono essere trattate?
Tramite la fisioterapia in modo da accelerare il riassorbimento degli ematomi, con astensione dall’attività sportiva a volte per alcuni mesi, e ripresa lenta e progressiva, attraverso esercizi di equilibrio ed elasticizzazione muscolare.

In che modo si possono prevenire?
La prevenzione è particolarmente complessa ed i consigli sono generici: eseguire sempre un buon riscaldamento progressivo prima di iniziare l’attività fisica, non esagerare con gli esercizi di potenziamento e fare attenzione se i terreni di gioco sono pesanti.
 

Sono maggiormente soggetti a lesioni alla coscia i calciatori e gli sport in cui lo scatto è alla base della loro attività

Social
Dott.ssa Carla Scottà - Radiologa
Hai bisogno di un consulto in
Radiodiagnostica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott.ssa Carla SCOTTÀ    
Altro dal blog
Attivo presso la sede del Centro di Medicina in Corte del Medà, è collegato ad una rete di laboratori che processa ogni anno oltre 700 mila esami.
La diminuita produzione di estrogeni favorisce irritabilità, ansia, tendenza al pianto, insonnia, vampate di calore, palpitazioni, sbalzi di pressione e vertigini
La chetosi è la chiave per contrastare le adiposità localizzate
Il grasso, ricco di cellule mesenchimali, è un utile alleato per la spontanea guarigione dei tessuti e la rigenerazione di cartilagine ialina.
Quali sono le cause che determinano la fame insaziabile e come fare a sconfiggerla.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico