Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Dietologia   Salute e benessere   Scienza dell'alimentazione  

Il peso... del Covid-19

Dott. Paolo Favretto - Dietologo Clinico
Dott. Paolo FAVRETTO
 27 Marzo 2021

Il peso... del Covid-19 - Dott. Paolo Favretto

La pandemia ed il lockdown per Covid-19 hanno modificato la routine quotidiana e le abitudini alimentari

Moltissime persone, durante il lockdown dovuto al Covid-19, sono aumentate di peso. Questo è quanto emerge da numerosi studi nazionali ed internazionali.

 

Dottore, come mai le persone sono aumentate di peso durante il lockdown?

I motivi sono molti:
· prima di tutto la perdita della routine quotidiana, in questa situazione è facile perdere le regole, prime tra tutte quelle relative alla nutrizione;
· lo stress è un altro fattore che porta a mangiare di più, alcuni alimenti agiscono effettivamente sul nostro umore, in alcuni casi, come quelli molto grassi o molto dolci, creando dipendenze, inoltre eleva i livelli di cortisolo, che facilitano l’accumulo di adipe;
· l’alcol ha un ruolo decisivo, viene consumato di più perché ha effetti sedativi e si trasforma velocemente in cuscinetti, oltre ad avere numerosi altri effetti negativi;
· la mancanza di contatto con gli altri, dunque la solitudine, porta ad aver bisogno di trovare soluzioni autonome e facilmente accessibili per alleviare la pena, i dolci dunque, ma anche un piatto speciale, vengono in aiuto;
· il 60% delle persone indagate ha riferito disturbi del sonno, spesso concausa dei problemi di peso ed episodi di alimentazione notturna molto più frequenti;
· per finire, importantissimo, c’è stata una netta riduzione dell’attività fisica con oltre il 35% degli intervistati che riferiscono di aver trascorso più di cinque ore al giorno davanti a uno schermo.

In che modo la dieta che togenica può essere utile a fronteggiare questo coronavirus?

La dieta chetogenica, come afferma il dottor Samir Giuseppe Sukkar, primario di Dietetica e Nutrizione Clinica dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova, può ridurre la mortalità ed il rischio di ricovero in terapia intensiva nei pazienti affetti da Covid-19 ed è stato osservato che questo tipo di dieta non è solo accessoria, ma assume una importante valenza antinfiammatoria, quasi simile a quella dei farmaci anticitochine.

Può essere utile anche in fase preventiva?

No, ma è da iniziare subito ai primi sintomi. È invece fondamentale il calo ponderale a scopo preventivo. Il Covid è una malattia in cui diabete, sovrappeso/obesità e ipertensione sono fattori di rischio importanti. Questo perché l’attivazione macrofagica e dei leucociti è maggiore laddove c’è una tendenza all’infiammazione, presente appunto in questi tre casi.

Come influiscono sovrappeso e obesità?

L’obesità cambia il corpo alterando il metabolismo, la risposta infiammatoria, la sorveglianza immunitaria e la reattività (inclusa una risposta meno robusta ai vaccini). Un calo di peso, in questi casi, è quindi sicuramente una indispensabile misura preventiva. Parallelamente, si inizia anche ad osservare che nei pazienti sovrappeso/obesi che hanno perso peso, e che poi si sono infettati, il Covid-19 ha presentato sintomi lievi.

 

È importante incoraggiare tutti a cambiamenti nello stile di vita che possano portare a ridurre il peso in eccesso e migliorare i livelli di forma fisica.

Social
Dott. Paolo Favretto - Dietologo Clinico
Hai bisogno di un consulto in
Scienza dell'Alimentazione
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Paolo FAVRETTO    
Altro dal blog
Il nuovo libro del Dott. Targhetta sul tema della gluten sensitivity sarà presentato sabato 10 settembre al Salone del Biologico e del Naturale SANA a Bologna.
In genere, le diete sono orientate alla riduzione di peso. Bisogna ricordare, però, che anche il sottopeso può essere un fattore di rischio per la salute.
L'indice di massa corporea è il metodo più usato per verificare se un soggetto è sottopeso, normopeso, sovrappeso o se soffre di obesità moderata o grave.
Stanchezza e aumento di peso sono i sintomi più frequenti che suggeriscono una disfunzione della tiroide. Campagna Tiroide in Primo Piano.
Analizziamo quali sono gli errori più comuni che si commettono quando si vuole perdere peso
Molti sono convinti che perdere peso sia solo una questione di estetica, ma si sbagliano. Restare in forma aiuta soprattutto a vivere più a lungo e meglio.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 40 | INVERNO 2021
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico