Loading...
Liposuzione alimentare: addio al grasso in eccesso e benvenuta salute!

Liposuzione alimentare: addio al grasso in eccesso e benvenuta salute!

Protocollo dietetico che, attivando la chetosi, contrasta le adiposità localizzate

Cruccio di molte donne è la grande difficoltà a ridurre i famigerati “punti critici”, cioè le adiposità localizzate che si riscontrano principalmente attorno all’ombelico, a livello dei fianchi, della zona gluteo-femorale e lungo tutta la parte interna delle cosce e delle gambe fino alle caviglie.
 

Dottore, come mai quando si segue una dieta ipocalorica bilanciata è la parte superiore del corpo la prima a ridursi?

Perché il grasso corporeo non è tutto uguale nelle diverse sedi anatomiche, e risponde in maniera diversa agli stimoli ormonali.
 

Quali sono le “armi” in nostro possesso per ridurre questi fastidiosi cuscinetti?

C’è la possibilità di affrontare queste problematiche tramite un “trattamento dietetico” e non una terapia dietetica, perché se la “dieta” è stile di vita (alimentazione, sport, buone abitudini, ecc.), la liposuzione alimentare è quella che definisco una “parentesi” nella vita di una persona, anche per la limitata durata temporale, proprio come un intervento chirurgico.
 

In cosa consiste la liposuzione alimentare?

Questo protocollo dietetico prevede la riduzione dei carboidrati che attiva la chetosi, un processo fisiologico per mezzo del quale il nostro organismo inizia ad alimentarsi bruciando i grassi in eccesso. In questo modo andiamo a rimodellare la nostra figura eliminando l'adipe dai fianchi, dalla pancia e da tutte le zone dove tipicamente accumuliamo i grassi.

Un tempo e tutt’ora, purtroppo anche grazie a Internet, si trovano varie informazioni che suggeriscono di indurre la chetosi assumendo solo prodotti o alimenti ricchi in proteine e grassi. Questo però, se non gestito con estrema attenzione e da personale medico qualificato, può portare ad un sovraccarico dei sistemi renale ed epatico con conseguenti problematiche per la salute.
Attualmente invece c’è la possibilità di utilizzare alimenti funzionali che, se ben gestiti, minimizzano al massimo queste problematiche e rendono il trattamento a basso contenuto di grassi e normoproteico.


Quali sono i suoi vantaggi?

  • Perdita di peso significativa a scapito della massa grassa
  • Mancanza della sensazione di fame
  • Protezione della massa muscolare grazie all’apporto ottimale di proteine
  • Miglioramento clinico e dei parametri ematochimici


Questo trattamento dietetico è indicato solo per problematiche estetiche?

No, le indicazioni più importanti sono anzi di ordine medico:

  • obesità
  • sovrappeso associato a fattori di rischio
  • diabete mellito di tipo 2
  • sindrome metabolica
  • menopausa con obesità correlata
  • policistosi ovarica (PCOS)
  • difficoltà di concepimento in donne obese
  • apnee del sonno
  • patologie dell’apparato locomotore
  • epilessia resistente alla terapia
  • emicrania medio/severa
  • fase preintervento di chirurgia bariatrica o estetica
     

Ci sono delle controindicazioni?

Sì, nei casi di insufficienza renale, epatica e cardiaca, diabete mellito di tipo 1, gravidanza e allattamento, disturbi psichiatrici gravi, neoplasie, disordini alimentari psicogeni da alimentazione compulsiva.

Dott. Paolo Favretto Dott. Paolo Favretto
Dott.

Paolo Favretto

Hai bisogno di un consulto medico in Scienza dell'Alimentazione?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita Richiedi videoconsulto

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top