Loading...
Acutizzazione delle patologie proctologiche: emorroidi

Acutizzazione delle patologie proctologiche: emorroidi

Uno squilibrio, anche temporaneo, nelle nostre abitudini alimentari possono determinare un peggioramento delle infiammazioni di natura proctologica specie delle emorroidi.

Le occasioni per gli eccessi alimentari, anche dopo le festività natalizie, sembrano non mancare mai: che sia Carnevale, Pasqua o l'abitudine di frequenti aperitivi o cene abbondanti, qualsiasi fattore potenzialmente deleterio per il funzionamento dell'intestino può aggravare problemi come le emorroidi.
 

Cause di un'acutizzazione di patologie di natura proctologica come ragadi, emorroidi e fistole 

Le feste natalizie e di Capodanno con le loro prelibatezze culinarie, spesso poco sane, che accompagnano le nostre tradizioni rischiano di essere causa di peggioramento o riattivazione dei sintomi legati alle patologie proctologiche, specie le emorroidi.
 

Possiamo in qualche modo evitare questi episodi, magari controllando l'alimentazione?

Controllare l’alimentazione, così da favorire un corretto funzionamento dell’intestino, è certamente importante. Durante le feste, quanti di noi si sono ritrovati con parenti ed amici per un aperitivo augurale? In tutte le occasioni “festive”, è bene evitare di eccedere con patatine e pizzette che non aiutano il transito intestinale; via libera, invece, a pinzimoni di frutta e verdura fresca.

Per quanto riguarda pranzi e cene, se proprio non si vuole rinunciare a cibi della tradizione come il cotechino, è importante accompagnarlo ad un contorno sano come lenticchie, spinaci, carciofi o verdure fresche: tante fibre, cioè, che non dovrebbero mai mancare sulle nostre tavole.
Le fibre, infatti, oltre a dare un buon senso di sazietà, contribuiscono a favorire la motilità intestinale. Infine, anche la frutta secca è ricca in fibre anche se apporta parecchie calorie.

Ricordarsi, infine di bere tanta acqua durante il giorno e di concedersi qualche passeggiata all’aria aperta.

In quali casi è bene rivolgersi a uno specialista?

Quando i disturbi si fanno ricorrenti e persistenti è opportuno il controllo di uno specialista. Inoltre, in presenza di sanguinamento è sempre necessario accertarne la causa con una visita proctologica ed eventuali esami.
 

Terapie normalmente consigliate 

Gli integratori di fibre sono, senz’altro, utili nei periodi in cui è più difficile essere attenti alla dieta. In caso di emorroidi, è utile l’assunzione di flavonoidi che hanno un effetto protettivo sulle pareti venose e riducono la permeabilità vasale.

Ci sono, poi, le terapie ambulatoriali para chirurgiche come la legatura elastica o la fotocoagulazione con raggi infrarossi che, in casi selezionati, sono in grado di offrire buoni risultati. Certamente più radicale e definitivo è il trattamento chirurgico che, contrariamente a quanto ancora spesso si crede, non è più traumatico come in passato.

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
colonemorroididott. raimondo di bella
Dott. Raimondo Di Bella Dott. Raimondo Di Bella
Dott.

Raimondo Di Bella

Hai bisogno di un consulto medico in Proctologia?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top