Loading...
Proprietà degli alimenti: sfatiamo i luoghi comuni sulle diete

Proprietà degli alimenti: sfatiamo i luoghi comuni sulle diete

Le proprietà di alcuni alimenti spesso sono esaltate o demonizzate a causa di notizie false o travisate che si diffondono nell’immaginario comune.

Quante volte abbiamo sentito dire che che le uova fanno male al fegato? O che la carne rossa e gli spinaci sono la fonte ideale per il ferro? Non sempre quello che si dice corrisponde alla verità.
 

Dottore, che ne pensa di questi luoghi comuni?

Come spesso accade, i luoghi comuni nascono da un qualche fraintendimento o “fake news” (tema purtroppo particolarmente attuale), che come per incanto diventa una verità.
Nelle fattispecie, per esempio le uova, a causa della loro eccellente ricchezza nutrizionale, vengono spesso paradossalmente indicate come causa di problemi epatici. In realtà è una questione che riguarda l’equilibrio con cui dovrebbero essere assunte le uova, soprattutto il tuorlo: un eccesso del loro consumo può portare a ipercolesterolemia e, se associato ad altri disequilibri nutrizionali, a steatosi epatica o altre patologie.
Quindi, le uova sono un alimento eccellente se consumato con equilibrio e moderazione.

Per quanto riguarda poi la carne rossa e gli spinaci, si tratta di due “mondi” diversi anche se spesso trattati alla stessa stregua. La carne è fonte, oltre che di proteine ad alto valore biologico, sali minerali e vitamine, anche di ferro biodisponibile (ferro-eme). Quest’ultimo non si deve confondere con il ferro apportato dagli spinaci, che per sua composizione chimica non è altrettanto utile per il nostro organismo.
 

E’ vero che possiamo consumare frutta e verdura in gran quantità?

La frutta e la verdura sono due classi di alimenti che dovrebbero essere alla base della nostra dieta e ciò perché apportano una grande quantità di nutrienti essenziali come l’acqua, i sali minerali, le vitamine, le fibre e tutto ciò a fronte di un apporto calorico, soprattutto la verdura, esiguo.
 

Dieta chetogenica e dieta a zona? Per quanto tempo possiamo portarle avanti?

Sia nella dieta a zona che, soprattutto, nella dieta di stampo chetogenico si arriva ad avere degli apporti energetici sbilanciati a favore dell’apporto proteico. Questo comporta la produzione di cataboliti potenzialmente tossici che possono creare problemi. Seguire un’alimentazione chetogenica è plausibile solo per persone sane, mentre sono assolutamente non indicate per epatopatici o per chi ha problemi renali. 
Entrambe le diete vanno portate avanti per periodi di tempo esigui di modo da evitare l’accumulo di cataboliti tossici.
 

La “vecchia" dieta mediterranea è sempre valida?

Assolutamente sì e ciò per diverse ragioni. Dal punto di vista fisiologico è determinata da un apporto di nutrienti calorici bilanciato, equilibrato e metabolicamente adatto a chiunque.
Gli alimenti che maggiormente dovrebbero essere consumati fanno parte, soprattutto nel nostro Paese, della nostra “cultura alimentare” e ciò rende il tutto più facile anche dal punto di vista comportamentale.

Non da ultimo il razionale scientifico che pone a favore di questo stile alimentare: dalla fine degli anni ‘50 dello scorso secolo si sta continuando ad effettuare uno studio epidemiologico denominato “Seven Countries Study”, che ha dimostrato e continua a farlo, come lo stile alimentare mediterraneo favorisca la longevità e la salute abbassando la probabilità di insorgenza delle principali cause di morte (malattie cardiovascolari, ictus, tumori).

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
Dott. Luciano Pagnindieta chetogenica
Dott. Luciano Pagnin Dott. Luciano Pagnin
Dott.

Luciano Pagnin

Hai bisogno di un consulto medico in Dietistica?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top