Loading...
Smart working: postura e computer

Smart working: postura e computer

Il ricorso al lavoro da casa è aumentato a causa del Covid-19, bisogna però fare attenzione a non assumere posture scorrette davanti al pc. Scopriamo perché
Dott. Federico Pasteur

La nostra vita e le nostre abitudini, con la pandemia da coronavirus, sono cambiate radicalmente. Strumenti di lavoro che erano già pensati ed utilizzati sono diventati molto importanti, sia nel mondo del lavoro sia nello studio, in quanto anche la scuola si è dovuta servire delle piattaforme digitali.

Dobbiamo pensare che gli strumenti che ci dà la tecnologia sono diventati necessari, ma che devono essere utilizzati in modo adeguato, per evitare posture scorrette che possono avere conseguenze sulla nostra salute.

Tra queste ricordiamo:
- il mal di schiena da tensione, sia nel tratto cervicale che lombare;
- i disturbi circolatori a carico degli arti inferiori con senso di pesantezza e gonfiori, che aggravano problemi venosi già esistenti o favorendoli.

Come mantenere una buona postura davanti al computer?

Vediamo alcuni accorgimenti per una corretta postura davanti al pc:
- utilizzare una sedia con supporto lombare, vicina alla scrivania;
- i piedi devono essere appoggiati sul pavimento;
- assicurarsi che la tastiera sia all’altezza dei gomiti;
- per chi usa il mouse, un supporto per il polso può aiutare a tenere il polso dritto;
- evitare i riflessi sullo schermo, posizionando la parete superiore dello schermo 5/10 cm sopra il livello degli occhi;
- sarà utile fare delle pause, ogni ora per almeno 5/10 minuti, allontanarsi dal pc durante la pausa pranzo;
- attenzione al divano, molto confortevole, ma causa di mal di schiena se utilizzato per il lavoro al pc per tanto tempo;
- vietato l’uso del pc a letto, per la tensione a cui viene sottoposta la colonna cervicale.


Ricordiamo poi che il camminare per 1 ora può prevenire l’obesità, l’ipertensione, l’aumento del colesterolo e della glicemia.

Sono stati studiati da esperti vari esercizi, che possono essere insegnati dai fisioterapisti, che aiutano a compensare le posture “costrette ma scorrette” che dobbiamo mantenere per lavorare o studiare sempre, e soprattutto in tempi di pandemia.

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
Dott. Federico PasteurOrtopediapostura

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top