Loading...
Il laser che “cancella” rughe e cicatrici

Il laser che “cancella” rughe e cicatrici

Ultime novità in ambito tecnologico per ringiovanire la pelle

I laser utilizzati per i trattamenti estetici sono tanti, la tecnologia alla base è sempre la stessa, ma ognuno di loro ha delle caratteristiche specifiche.
 

Cos’è e per cosa viene impiegato il laser CO2 frazionato?

È un dispositivo che permette di intervenire con soddisfazione su gran parte degli inestetismi cutanei, dalle rughe superficiali alle cicatrici da acne, dalle macchie della pelle alle cicatrici post trauma, stringe i pori del viso compattando la pelle e ridonandole luminosità.
 

Come funziona?

È un laser al biossido di carbonio che rappresenta una versione più aggiornata ed evoluta del Laser CO2. Con questo sistema, il raggio di luce emesso colpisce solamente dei punti molto precisi, lasciando intatto il resto della superficie della pelle. L’azione del laser induce un processo di rigenerazione dei tessuti, ottenendo l’effetto detto di “skin resurfacing” e stimolando la produzione di elastina e collagene, due sostanze fondamentali per mantenere la pelle giovane ed elastica. Proprio per questo motivo è un trattamento molto indicato per il ringiovanimento della pelle del viso, del collo del décolleté e delle mani.
 

Chi si può sottoporre a questo trattamento?

Tutti i pazienti, uomini e donne, che hanno raggiunto il completo sviluppo fisico e che godono di buona salute. Tuttavia, ci sono alcuni casi specifici in cui è sconsigliato utilizzare questa tecnica, perché si potrebbero formare delle alterazioni della pigmentazione della pelle: persone con carnagione scura, pazienti che hanno assunto il farmaco anti acne nell'ultimo anno e soggetti con infezioni cutanee attive (batteriche o virali).
 

Bisogna preparare la pelle prima del trattamento? È una procedura dolorosa?

Sì, a casa il paziente detergerà bene il viso e applicherà la crema anestetica topica che resterà sul viso per almeno un’ora prima di iniziare il trattamento. Durante la seduta il paziente avverte, generalmente, soltanto un lieve fastidio che solitamente viene ben tollerato da tutti i pazienti. Il trattamento con il Laser CO2 frazionato viene eseguito nello studio medico e ha una durata compresa tra i 10 e i 20 minuti a seconda dell’area da trattare e delle caratteristiche del paziente.

Come avviene il trattamento?

La seduta consiste nel passare una o più volte il raggio laser sulla pelle, tamponando con una garza e aspirando il fumo che viene prodotto durante il trattamento. Alla fine si lascia qualche tempo il paziente seduto con delle maschere fredde per ridurre al minimo la sensazione di bruciore, per poi lasciare immediatamente l'ambulatorio. Il paziente non deve essere accompagnato, non è richiesto il digiuno, e non deve eseguire esami particolari prima del trattamento.
 

Ci sono degli “effetti collaterali”?

La pelle apparirà arrossata per 2-4 giorni; sarà presente del gonfiore e potrebbe essere molto secca e brunastra nei giorni successivi quindi, in genere, si consiglia di utilizzare una crema idratante e una crema riepitelizzante per accelerare la guarigione. Inoltre, nei giorni seguenti alla seduta, potrebbero formarsi delle crosticine e desquamazione anche intensa, sintomi che passeranno da soli con i giorni quando la pelle si sarà rigenerata. Tutto il ciclo dura al massimo 7 giorni.
 

Quali risultati ci si può aspettare?

Dopo già venti giorni la pelle risulta più luminosa, compatta, uniforme ed elastica quindi, nel complesso, ringiovanita. Inoltre, si potrà notare che le macchie scompariranno e le rughe più superficiali risulteranno attenuate e meno marcate. I risultati sono progressivi e continuano fino a 2/3 mesi dalla prima seduta, quando la pelle avrà avuto il tempo di rinnovarsi e di poter aumentare la produzione di collagene.
 

A quante sedute bisogna sottoporsi?

Il numero può variare molto a seconda della risposta soggettiva di ogni paziente. In genere si consiglia di eseguire dalle 2 alle 4 sedute, che devono però tenersi a distanza di non meno di 40/60 giorni una dall’altra, e non si devono fare durante la stagione estiva. Ogni seduta è comunque fine a se stessa e, a distanza di un mese, si deciderà se procedere oltre e migliorare ulteriormente i risultati ottenuti.

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
laserinvecchiamento cutaneoDott. Fabrizio Viezzoli
Dott. Fabrizio Viezzoli Dott. Fabrizio Viezzoli
Dott.

Fabrizio Viezzoli

Hai bisogno di un consulto medico in Medicina Estetica?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top