Loading...
Cibi che non fanno dormire e rimedi naturali per l'insonnia

Cibi che non fanno dormire e rimedi naturali per l'insonnia

Se soffriamo di insonnia a cena è bene evitare cibi eccitanti o difficili da digerire. Scopriamo quali sono e alcuni rimedi fitoterapici per favorire il sonno.

Esistono dei cibi che favoriscono o migliorano l’insonnia? Certamente sì, ma una alimentazione scorretta non deve essere considerata l’unica responsabile di insonnia: lo stress, l’ansia, la depressione e una cattiva posizione a letto, possono essere cause o concause dei disturbi del sonno.
 

Che cos’è l’insonnia? 

Per insonnia intendiamo sia una riduzione del numero di ore di sonno, delle 7 ore ideali, che una qualità di sonno non ottimale. Distinguiamo 3 tipi di insonnia:

  • iniziale con difficoltà ad addormentarsi
  • intrasonno con risvegli notturni frequenti
  • terminale con risveglio precoce.

In tutti i casi è sempre presente al mattino la stanchezza, il non sentirci riposati. In effetti le conseguenze dell’insonnia si riflettono poi sulla nostra giornata lavorativa.
 

Quali sono le cause?

In primis l’ansia, lo stress e la depressione, ma anche disturbi fisici che non ci fanno dormire, come ad esempio un dolore alla spalla, una prostata ingrossata con bisogno di andare spesso in bagno la notte ad urinare, oppure una posizione errata a letto. Ma anche la gastrite con reflusso, una digestione lenta e difficile, con il tipico risveglio alle 2-3 am, o il consumo di bibite o di alimenti eccitanti la sera.
 

Quanto influisce l'alimentazione in questo disturbo e quali i cibi da preferire?

“Siamo quello che mangiamo” ci ha detto Feuerbach. In effetti il nostro stile alimentare influenza moltissimo anche il nostro sonno. Se soffriamo di insonnia dobbiamo pensare anche di modificare il modo in cui mangiamo. Ippocrate, padre della Medicina, ci ha detto: “Fai che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo”. Facciamo quindi in modo che la nostra medicina per il sonno sia il nostro cibo.

Se soffriamo di insonnia preferiamo mangiare a cena cibi rilassanti, calmanti: carboidrati (pasta, pane, riso, avena), frutta secca oleosa con guscio (mandorle, noci), semi di sesamo, legumi, carne bianca (pollo e tacchino), avena, semi di zucca, pesce, verdure a foglia larga.
 

Quali i cibi da evitare?

Evitiamo di consumare a cena cibi eccitanti o di difficile digestione: carni rosse (manzo e suino), cibi troppo elaborati (sughi rossi, piccanti e alimenti speziati), alcol (birra e vino), glutammato monosodico (salsa di soia), caffè, the, cacao, ginseng, carni affumicate o lavorate (salumi, salsicce, insaccati) e formaggi troppo stagionati.
 

I fitofarmaci ci possono venire in aiuto?

La Fitoterapia negli ultimi anni ha fatto passi in avanti anche per la cura della insonnia. Oggi troviamo in commercio fitofarmaci ben dosati per la cura dell'insonnia. Le piante più utilizzate sono:

  • Biancospino
  • Melissa
  • Passiflora
  • Escolzia
  • Valeriana
  • Tiglio

Se soffriamo di insonnia cerchiamo sempre di capire il perché, su come possiamo aiutarci cambiando il nostro stile di vita alimentare e chiedendo un aiuto farmacologico in primis alla natura, alle sue piante medicinali per il buon sonno.


Leggi altri articoli con gli stessi TAG
Dott. Alessandro Targhettafitoterapiainsonnia
Dott. Alessandro Targhetta Dott. Alessandro Targhetta
Dott.

Alessandro Targhetta

Hai bisogno di un consulto medico in Omeopatia?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top